Un progetto di Pam Panorama
AREA GENITORI login · registrati
AREA INSEGNANTI login · registrati

< torna indietro

Pronti, partenza… scuola!

Pronti, partenza… scuola!

Marzo 2016: Siamo ormai agli ultimi 3 mesi di scuola, lo studio e i compiti impegnano i nostri ragazzi ormai da mesi… ma come mantenere concentrazione e grinta fino alla fine della scuola?

 

Se notate ancora un po’ di difficoltà e ritrosia nel mantenere il ritmo scolastico, potete adottare alcuni efficaci suggerimenti, sempre validi, utili a tenere allenati e costanti l’attenzione e l’entusiasmo di affrontare gli ultimi impegni e le nuove sfide fino a giugno!

 

1.      A letto presto: è importante far rispettare ai ragazzi l’orario stabilito per coricarsi la sera perché la mancanza di sonno riduce la capacità di apprendimento e di concentrazione.

2.     Risveglio soft: evitiamo di fare le cose di corsa la mattina al risveglio, fissiamo bene la sveglia per tempo in modo da fare una buona colazione e prepararci con calma per uscire.

3.     Zaino pronto: è senz’altro una buona abitudine preparare lo zaino dei libri la sera precedente. Si guadagna tempo ed è meno probabile lasciare a casa quaderni, libri, ecc.!

4.    Trasmettiamo serenità: magari siamo i primi a essere ansiosi, ma è davvero importante comunicare ai ragazzi lucidità e calma, in modo che assorbano queste caratteristiche positive piuttosto che paure o timori. Di fronte a eventuali capricci e piagnucolii, dobbiamo quindi avere la tenacia di dimostrare la massima calma, dando un esempio importante: sorridiamo, non parliamo troppo e soprattutto, mai tentennare!

5.     Responsabilizziamo: ogni periodo scolastico rappresenta una tappa importante che segna di volta in volta un salto verso il mondo degli adulti. Facciamo sentire “grandi” i nostri ragazzi che di fatto vivono un momento di crescita da sottolineare perché percepiscano un passaggio in atto.

6.     L’amore per lo studio: questa è la sfida senza dubbio più impegnativa, ma sforziamoci di evidenziare fin da subito, senza apparire impositivi, la passione per lo studio e per il sapere. I genitori possono trasmettere il concetto che imparare cose nuove è un piacere e un valore: possiamo dare l’esempio e stimolare sfogliando un libro insieme, facendo ricerche in internet per soddisfare qualche curiosità, condividendo così un’attività “intellettuale” e del tempo insieme.

7.     Dialogo: se manteniamo vivo il dialogo con i ragazzi, senza eccedere con la modalità “interrogatorio” ma piuttosto con interesse spontaneo, abbiamo più possibilità di stimolarli e aiutarli a superare eventuali difficoltà. Il confronto fa crescere ed è spesso motivante!

8.     Un giusto equilibrio: ricordiamo che i ragazzi non devono studiare troppo poco ma nemmeno passare intere giornate solamente sui libri: è bene coltivare altri interessi, come praticare un’attività sportiva, o suonare uno strumento musicale, per scaricare le tensioni, avere l’occasione di fare amicizie al di fuori dell’ambiente scolastico, per crescere come persone oltre che come studenti.

 

Mettiamo in pratica con buon senso questi spunti, e osserviamo l’andamento: i risultati si riscontrano spesso sulla lunga distanza, ma già alla fine del quadrimestre potreste notarne l’efficacia!